Ok ai riti pasquali sulmonesi, la Prefettura scioglie la riserva

SULMONA – Arriva l’atteso via libera per i riti pasquali sulmonesi. La Prefettura ha dato l’ok oggi pomeriggio allo svolgimento delle due processioni del venerdì santo e della domenica di Pasqua con le inevitabili restrizioni, che anticipavamo ieri (clicca qui).

Il via libera definitivo, però, dovrà arrivare dalla questura, che dovrà dare l’ultima approvazione sui piani di sicurezza.

Oggi in Prefettura, Comune, Asl, autorità ecclesiastiche e civili, forze dell’ordine hanno stilato il piano per la pianificazione della Pasqua sicura. In tutti gli eventi religiosi nonché nelle processioni si osserverà l’obbligo della mascherina all’aperto. La indosseranno non solo i fedeli anche quanti rivestono un ruolo attivo nelle processioni. La toglieranno i cantori della Processione del Venerdì Santo durante l’esecuzione dei brani, che dovranno però sottoporsi a tampone il giovedì santo, grazie alla Protezione civile.

Per il venerdì santo nella processione organizzata dall’arcisodalizio trinitario il corteo non passerà in via Ciofano, via Corfinio, via Barbato e via Serafini. Il tradizionale cambio si svolgerà in forma simbolica nel senso che i lauretani si aggregheranno alla processione in piazza Del Carmine. Questo per favorire percorsi più ampi ed evitare assembramenti.
La domenica di Pasqua, dopo la corsa della Madonna che torna in presenza, i lauretani rientreranno nella Chiesa di Santa Maria della Tomba attraverso Largo Faraglia e piazza Plebiscito.