Piazza danneggiata, la Giostra dalla ripartenza falsata

SULMONA – Cordolo rotto (foto 1) e asfalto frantumato in tutto l’anello (foto 2). La Giostra della ripartenza ha segnato più di ogni altra edizione la meravigliosa cornice di piazza Garibaldi.

Le operazioni di pulizia della piazza dalle tonnellate di terra, cominciate da lunedì mattina, hanno cominciato a mostrare i primi danni.

Dopo le solite polemiche che hanno preceduto e accompagnato l’evento, quest’anno acuite da gaffe varie e da una promozione marketing rimasta solo negli annunci, la Giostra cavalleresca della ripartenza imporrebbe forse un po’ di riflessioni varie.

Innanzitutto, sarebbe opportuno mandare tecnici comunali a supervisionare i lavori della ditta che sta ripulendo o “distruggendo” che dir si voglia la piazza (al di là delle coperture assicurative), in più bisognerebbe verificare perché quest’anno in corrispondenza dei perni delle tribune l’asfalto dell’anello si è sgretolato in lunghissime crepe filiformi (foto 2). In più sarebbe opportuno dare all’evento quello slancio che merita, avvalendosi soprattutto di professionisti nella comunicazione in primis, per creare quell’attesa e quella partecipazione che finora vivono e hanno vissuto solo i volontari del Popolo della Giostra.

Insomma, l’evento dell’estate sulmonese che ha tutte le carte in regola per diventare di richiamo internazionale, dovrebbe essere sentito e atteso da tutti e non solo da chi c’è dentro, in un gioco a perdere di esclusi e detrattori, che finora non lo ha fatto né crescere né decollare.