Sospette infiltrazioni mafiose, Spumador sorvegliata speciale

SULMONA – Finisce in amministrazione giudiziaria per un anno per infiltrazioni della ‘ndrangheta la Spumador spa (Medibev), nota azienda di bevande gassate con un fatturato annuo superiore ai 200 milioni di euro e con una sede anche a Sulmona.

L’azienda era comparsa già in un’inchiesta della Dda milanese, coordinata dai pm Sara Ombra e Pasquale Addesso, che nel novembre 2021 portò ad arrestare 54 persone.

Il provvedimento è stato disposto dalla Sezione autonoma misure di prevenzione del Tribunale di Milano (giudici Roia-Tallarida-Pontani) al termine delle indagini del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Como, coordinate dal pm Paolo Storari, che hanno fatto emergere “un presunto meccanismo criminoso che puntava ad ottenere il controllo totale delle commesse di trasporto della società”, con sede nel Comasco.

Controllo, spiegano gli investigatori, “ottenuto mediante reiterate condotte estorsive, aggravate dal ricorso al metodo mafioso, ai danni di dirigenti e dipendenti della committente, di fatto assoggettata al volere degli ‘ndranghetisti, che imponevano le loro condizioni economiche” alla Spumador.

I giudici hanno rilevato “una grave situazione di infiltrazione mafiosa nell’attività di impresa esercitata, perdurante dal 2018 sino ad oggi, che ha permesso a svariate società, riconducibili ad esponenti della ‘ndrangheta, di operare indisturbate nel tessuto economico, alterandone le regole della concorrenza e ottenendo così ingenti vantaggi”.
(ANSA).