Trasporti; D’Annuntiis: sottoscritto nuovo accordo quadro con RFI 

PESCARA – Un nuovo accordo Quadro con RFI, al fine di avere garanzia della disponibilità dell’infrastruttura ferroviaria necessaria al trasporto regionale è stato sottoscritto nella giornata di ieri dal direttore del Dipartimento Infrastrutture e Trasporti della Regione Abruzzo, Emidio Primavera.

“L’accordo, nel rispetto delle priorità espresse dall’amministrazione regionale – ha sottolineato il sottosegretario alla presidenza, Umberto D’Annuntiis – permetterà di migliorare la qualità del trasporto dei cittadini abruzzesi, fissandone i livelli di velocità commerciale, il cadenzamento dell’orario e la tipologia di materiale rotabile”. L’accordo era stato approvato dalla giunta lo scorso 28 febbraio, delegando la sottoscrizione da parte del direttore del Dipartimento.

“L’obiettivo è quello di assicurare alla Regione Abruzzo, per il prossimo quinquennio, una capacità di circa 5 milioni di treni-km annui con possibilità di incrementarla di ulteriori 200.000 treni-km in armonia con la realizzazione dei progetti infrastrutturali e tecnologici di potenziamento della rete con particolare riferimento alla direttrice Pescara-Sulmona-L’Aquila – ha aggiunto D’Annuntiis – tale capacità verrà assegnata annualmente alle imprese ferroviarie Trenitalia e TUA, che operano sul territorio mediante rispettivi programmi di esercizio con il consolidamento dell’interesse della Regione di assicurarsi determinate tratte, come quelle veloci tra Pescara e Roma Termini, anche in ragione dell’indirizzo di rinnovare l’affidamento del servizio ferroviario regionale a Trenitalia SpA, oggi in corso di negoziazione.

Per la prima volta – ha concluso il sottosegretario D’Annuntiis – la Regione può monitorare il rispetto delle condizioni minime di qualità anche nelle stazioni ferroviarie, quali le informazioni da rendere all’utenza, la pulizia e il comfort, l’accessibilità in autonomia, il servizio di assistenza alle persone con ridotta capacità di mobilità e la sicurezza del viaggiatore nelle stazioni”.