PANDEMIA, MARSILIO: REGIONI LASCIATE SOLE DALLO STATO

ABRUZZO – “Il calo dei contagi era atteso e si comincia a manifestare un primo rallentamento che spero sia altrettanto brusco e veloce quanto sia stata repentina la salita della curva con l’arrivo di Omicron. Noi continuiamo a lamentare il fatto che le Regioni siano state lasciate troppo sole dallo Stato. Ancora non ci vengono restituiti i soldi delle spese straordinarie che abbiamo dovuto sostenere anche per la campagna vaccinale, sulla quale inizialmente il governo aveva garantito proprie strutture e finanziamenti, invece gli hub vaccinali e il personale lo stiamo sostanzialmente sostenendo tutto sulle nostre spalle“. Lo ha dichiarato all’Ansa il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio (Fdi), a margine della sua visita al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai.

“È chiaro che ci sono molte cose che non hanno funzionato, tra le quali quello della medicina territoriale. Il rapporto tra la sanità pubblica e la medicina sul territorio ha mostrato tutti i suoi limiti con questa pandemia”, ha detto ancora.

In Italia esiste “un governo che giustamente indice l’emergenza ormai da oltre due anni per la lotta alla pandemia, ma non rifornisce di munizioni l’esercito che deve farla, e anzi, ci ritroviamo alla fine dell’anno sotto l’occhio vigile del ministero dell’Economia, pronto a commissariare le Asl e le Regioni se i bilanci saltano. Adesso io spero che le regioni con il governo finalmente facciano il punto decisivo di confronto per avere le risorse che ci servono, perché altrimenti saremmo di fronte a un vero e proprio scandalo”, ha concluso Marsilio.