A24-A25, SdP sospende aumento tariffe: differimento a luglio

SULMONA – Il Consiglio di Amministrazione di Strada dei Parchi SpA, alla luce della perdurante inerzia del Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili in merito alla approvazione del nuovo Piano Economico Finanziario (PEF) e considerata l’esigenza di assicurare, tariffe sostenibili per l’utenza delle autostrade A24/A25, ha deliberato nella seduta odierna la sospensione dell’aumento tariffario di circa il 34%, la cui entrata in vigore era prevista per il 1° gennaio 2022, differendone l’applicazione al 1° luglio 2022.
Lo rende noto Strada dei Parchi.

“La decisione – si legge in una nota – è stata assunta per senso di responsabilità in considerazione della funzione svolta dalle tratte autostradali interessate che, a causa dello stato delle infrastrutture viarie delle regioni attraversate, appare il principale presidio in grado di assicurare il diritto alla mobilità dei cittadini, ponendosi quale fattore determinante per il sostegno alla ripresa economica in corso dopo la brusca caduta dell’economia nel periodo pandemico. Tale scelta si è resa necessaria a causa degli ingiustificati ritardi da parte del Ministero competente che, dopo 9 anni dall’approvazione della legge 228/2012 che ne prevedeva l’aggiornamento, a tutt’oggi non ha dato seguito all’approvazione del nuovo PEF previsto dal dettato normativo, né ha dato seguito alla sentenza del Consiglio di Stato (n. 5022/19) che ne imponeva l’adozione entro il termine inderogabile del 30 ottobre 2019”.
Il Cda di Strada dei Parchi esprime una “forte preoccupazione per il ritardo nell’avvio dei lavori di messa in sicurezza delle tratte autostradali, così come previsto dalla citata legge del 2012”.