SULMONA “CAPITALE” DEL GIORNALISMO E DELL’ARTE CONTEMPORANEA

SULMONA – Cerimonia di premiazione questa sera nella cornice del Teatro comunale “Maria Caniglia” per i vincitori della 48^ edizione del Premio Sulmona “Gaetano Pallozzi” – Rassegna internazionale di arte contemporanea.

La cerimonia conclusiva del Premio è stata aperta con i riconoscimenti attribuiti per il Premio Nazionale di Giornalismo, secondo quanto stabilito dalla giuria presieduta da Paolo Corsini, a Luciano Fontana, direttore del “Corriere della Sera”, a Manuela Moreno, conduttrice del Tg2 Post e al vice direttore di Askanews, Gianni Todini. “In un momento in cui si ritiene che tutto possa essere notizia e le opinioni possano essere pietre scagliate in testa a chi non è d’accordo con me, avere un punto di equilibrio ed uno sguardo oggettivo sulla realtà, cercando di capire le ragioni degli altri, affrontare la realtà con spirito critico, credo sia la missione di chi ancora creda nel giornalismo e creda soprattutto nella possibilità di dare, agli italiani e a chi ci legge, un’informazione corretta, equilibrata, pluralista, che permetta di formare le proprie opinioni. I giornali che vengono letti solo per riconoscere sè stessi, per i propri difetti, i propri pregiudizi, le proprie opinioni a me non piacciono” ha sottolineato il direttore del “Corriere della Sera” appena ricevuto il premio.

Il Premio Internazionale Speciale per il Settecentenario dantesco è stato consegnato al professore János Kelemen dell’Università di Budapest, con collegamento da remoto, alla presenza della Direttrice dell’Accademia d’Ungheria Komlóssy Gyöngyi, il Premio Nazionale per la Cultura allo scrittore Remo Rapino e per la Critica d’Arte “Philippe Daverio” al professore Francesco Moschini dell’Accademia di San Luca in Roma.

Il primo premio della Rassegna Internazionale d’Arte Contemporanea è stato vinto dall’artista Tina Sgrò, di Reggio Calabria, con l’opera Interno verde (2020); secondo premio ad Alba Gonzales, di Roma, per Shut up (2014) ed il terzo premio, a Massimo Boffa, di Milano per Mosca, la casa rossa (2021). Premi sono andati inoltre per “Artista plastico” a Yoshin Ogata (Giappone), “Artista senior” a Umberto Malvestuto (Sulmona), “Artista straniero” a Evita Andujar (Spagna), “Artista giovane” a Emidio Mastrangioli (Sulmona), “Artista del territorio” a Pierpaolo Mancinelli (L’Aquila). Tra i vari riconoscimenti, Menzioni Speciali d’Onore sono state conferite ad Ennio Calabria, Giancarlo Ciccozzi, Monticelli & Pagone, Pino Procopio e Mauro Tersigni. Particolare e commovente l’omaggio riservato al professore Rinaldo D’Orazio, vincitore nel 1964 del 1° Premio Sulmona delle Arti, fondato da Olindo Pelino, Gaetano Pallozzi e Angelo Maria Scalzitti.

Gli intervalli musicali sono stati curati dal soprano Chiara Tarquini accompagnata al pianoforte da Sabrina Cardone. La cerimonia è stata presentata dalla giornalista Chiara Buccini.

Al 48° Premio Sulmona 2021, organizzato dal Circolo d’Arte e Cultura “Il Quadrivio” con il Patrocinio del Senato della Repubblica, della Regione Abruzzo, della Provincia dell’Aquila e del Comune di Sulmona, hanno partecipato 159 artisti provenienti da tutto il mondo. Al momento della presentazione dei premiati per la Rassegna d’Arte Contemporanea è intervenuto il critico d’arte e presidente onorario del Premio Sulmona, professore Vittorio Sgarbi, illustrando le motivazioni dei riconoscimenti.

La cerimonia è stata introdotta dal presidente del Premio e del Circolo d’Arte e Cultura “Il Quadrivio” professor Raffaele Giannantonio che ha ringraziato quanti hanno contribuito all’organizzazione e al sostegno dato al Premio Sulmona, che si conferma tra i maggiori e più prestigiosi eventi culturali della città, di caratura internazionale. “I centocinquantanove artisti che hanno partecipato al Premio Sulmona sono da considerare tutti vincitori – ha affermato Raffaele Giannantonio – perché partecipare al Premio Sulmona vuol dire vincerlo, infatti gli artisti partecipanti sono consapevoli di far parte di una grande tradizione e soprattutto di una tradizione che ha grande futuro”.