Tribunale, gli avvocati suonano la sveglia: manca un anno alla chiusura

SULMONA – Meno 365 giorni alla chiusura del tribunale. Comincia il conto alla rovescia per la chiusura del tribunale sulmonese, fissata al 14 settembre del 2022.

Lo hanno rimarcato gli avvocati del foro che ieri hanno organizzato una conferenza stampa per chiedere un intervento risolutivo sul palazzo di giustizia.

“Non dimentichiamo che i tribunali sono baluardo di legalità, sia in un’ottica repressiva che preventiva e l’esistenza di un tribunale implica anche l’esistenza di una procura, che significa anche sezione di polizia giudiziaria ed il commissariato di pubblica sicurezza” ha sottolinea il Presidente del Consiglio dell’Ordine, Luca Tirabassi mentre l’avvocato, Giuseppe Giammarco, ricorda che “l’esistenza di presidi giudiziari è anche sicurezza per chi voglia investire in questo territorio, quindi la soppressione del tribunale avrebbe conseguenze gravi anche per l’aspetto economico, oltre che per l’indotto anche per chi intenda creare lavoro”.

Quello a cui bisogna puntare, però, non è l’ennesima proroga perché il tribunale – finito nella rete dei tagli nazionali da anni non ha un adeguato turn over di personale, nonostante sia diventato caso unico in Italia per l’informatizzazione dei processi e dei fascicoli.