Non supera la prova dei servizi sociali, 31enne sulmonese torna in cella

SULMONA – Torna in carcere L.B., 31enne sulmonese, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e la guida in stato di ebbrezza. Nel pomeriggio di ieri gli operatori di Polizia del Commissariato Ps di Sulmona gli hanno notificato l’ordinanza del Tribunale di sorveglianza dell’Aquila che ha sospeso l’affidamento in prova. Ne consegue che il giovane, tradotto temporaneamente presso la cella di sicurezza del Commissariato, tornerà dietro le sbarre almeno per un mese. Il Tribunale di sorveglianza fisserà infatti l’udienza di merito.

Il ragazzo era stato arrestato nei giorni scorsi e affidato in prova ai servizi sociali. Prova non superata per la polizia che lo ha arrestato mentre guidava a ziug zag e in stato di ebrezza.

L’arrestato, più volte controllato dagli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sulmona in compagnia di pregiudicati, anche con precedenti specifici agli stupefacenti,  nella scorsa settimana, in preda ad una forte alterazione psichica, ha bloccato la circolazione stradale di Sulmona mentre era alla guida di un furgone, insultando e lanciando sassi ai passanti. Non pago delle sue azioni, all’intervento immediato dei militari della Compagnia dell’Arma dei Carabinieri di Sulmona opponeva resistenza,  oltraggiandoli e minacciandoli nel contempo.

Il 31enne sulmonese dovrà scontare la restante pena, in carcere, dove resterà sino ad aprile 2023, secondo i calcoli della Questura per reati commessi dal 2016.