Associazioni di categoria contro Niko Romito: basta fondi pubblici per il suo campus

SULMONA – Tutti insieme contro Niko Romito. Un appello alla Regione Abruzzo, da parte delle principali associazioni datoriali e sindacali attive sul territorio regionale, affinché venga “immediatamente bloccata la proposta di legge attraverso la quale si punta a fornire un contributo finanziario di un milione e mezzo di euro, al progetto “Campus Ricerca e Alta Formazione” del noto chef Niko Romito, prelevando le risorse dai fondi del microcredito FSE”. Gli esponenti delle associazioni datoriali e sindacali Agci, Casartigiani, Cia, Claai, Cna, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Legacoop, Cgil, Cisl, Uil e Ugl bollano come “incomprensibile e iniqua la scelta di attingere un importo di tale rilievo dai fondi destinati al microcredito, sottraendo preziose risorse da un plafond finanziario che dovrebbe servire per supportare le tante piccole e medie imprese abruzzesi in difficoltà”.

    Si parla di microcredito che “negli ultimi anni è stato ossigeno per le aziende del territorio, al punto da consentire la nascita di 4.500 nuove imprese, che oggi operano con profitto nel sistema economico e sociale regionale”. Secondo Agci, Casartigiani, Cia, Claai, Cna, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confcooperative, Confesercenti, Legacoop, Cgil, Cisl, Uil e Ugl “in un periodo storico come quello che stiamo vivendo, con la pandemia che ha messo in ginocchio centinaia di famiglie, provocato la chiusura di tante attività e costretto molte altre a combattere per la sopravvivenza, è fondamentale mantenere una visione d’insieme, che ponga al primo posto gli interessi generali della comunità abruzzese”.
“E’ invece arrivato il momento di inaugurare una nuova metodologia, le cui priorità siano quelle di supportare le imprese in difficoltà e di premiare i soggetti più meritevoli – concludono le associazioni datoriali e sindacali – consentendo a tutti gli altri imprenditori di realizzare il loro progetto, ad esempio attraverso un concorso di idee o un avviso pubblico”.