Sulmona celebra la giornata della gentilezza

SULMONA – Il capoluogo peligno celebra la giornata della gentilezza. Il Comune di Sulmona, su iniziativa del sindaco Annamaria Casini e dell’assessore alla Cultura Manuela Cozzi, ha aderito alla Settimana Nazionale delle Panchine Viola, riconoscendo molto impostante la motivazione:  “sensibilizzare fin dalla tenera età al rispetto delle persone e dell’ambiente”.

La panchina viola, rigenerata e tinteggiata dalle “Green Ladies” gruppo di volontariato civico cittadino di donne, è stata collocata nel pomeriggio di oggi nel parco fluviale “Augusto Daolio” e riporta una frase sulla gentilezza scelta dai promotori locali dell’iniziativa di Mahatma Gandhi “La gentilezza non costa nulla ed arricchisce”.  L’inaugurazione è avvenuta con il coinvolgimento dei bambini dell’asilo nido Isola Felice, con la messa e dimora di piantine di lavanda. I piccoli hanno pronunciato una frase gentile alla presenza dei genitori, seduti sulla panchina viola simbolo di gentilezza come messaggio di pace e amore per la natura, l’ambiente e il rispetto per il prossimo.
La prima panchina della gentilezza di colore viola è stata inaugurata il 7 Dicembre 2019 a Quincinetto TO, ideata dall’assessore alla Gentilezza Erina Patti, proposta dai bambini della scuola primaria locale durante un laboratorio dedicato: sulla panchina viola si può fare la pace, ci si può dare un appuntamento, si può giocare insieme. Venne scelto il viola in quanto deriva dall’unione del rosso che rappresenta la concretezza e del blu che simboleggia la profondità.
Il Progetto Nazionale Costruiamo Gentilezza ha come obiettivo, da 15 anni, far diventare la gentilezza un’abitudine sociale diffusa, dopo aver sin da subito inserito la Panchina Viola nell’Archivio pubblico delle buone pratiche di gentilezza e ha programmato di favorirne la diffusione proponendo quest’anno un’intera settimana nazionale dedicata alle panchine viola, dal 21 al  27 di Giugno anche con il patrocinio dall’Anci.
“La gentilezza è il privilegio di una società sana, libera e leale  e i nostri territori dovrebbero trarne proficue conseguenze” Commenta l’assessore Cozzi .
“La forza della gentilezza può essere dirompente e rivoluzionaria in epoca di individualismo e modi spesso lontani dalla buona creanza. La gentilezza e il rispetto degli altri sono valori che connotano una società civile e umanizzata, coesa e solidare, capace di costruire il proprio futuro nel dialogo e nel confronto, rifuggendo prevaricazione e prepotenza che a torto possono invece essere intesi come elementi di forza“ afferma il sindaco Annamaria Casini.