Bring festeggia l’anno di consegne in città con 15 rider, 3.500 utenti e migliaia di ordini

SULMONA – Ben 60 attività affiliate (tra pizzerie, ristoranti, gelaterie, paninoteche e anche negozi al dettaglio), più di 3.500 utenti registrati e 15 giovani rider che gestiscono migliaia di ordini e consegne. Bring, l’applicazione per smartphone di delivery tutta sulmonese, festeggia l’anno di attività con numeri da record. Era infatti il 23 maggio 2020 quando arrivò il primo ordine con consegna a domicilio richiesto attraverso la nuova piattaforma digitale sviluppata da Quite Simple, azienda informatica fondata pochi mesi prima dai tre giovani professionisti sulmonesi Gabriele e Filippo Tirabassi Pascucci e Gianmario D’Amico.
“Grazie a Bring e alla sua innovazione digitale – spiegano gli ingegneri Tirabassi Pascucci e l’avvocato D’Amico – sia le attività che gli utenti hanno avuto la possibilità di scoprire un nuovo modo di comprare e vendere localmente, in maniera più rapida, efficiente e sostenibile, grazie all’utilizzo delle biciclette a pedalata assistita. Durante la seconda e terza ondata di contagi da Covid-19, inoltre, Bring si è rivelata uno strumento molto utile per le attività partner nel lungo periodo di chiusure forzate contribuendo, in parte, al loro sostegno economico”.

La piattaforma, però, continua a scommettere sul futuro con un nuovo aggiornamento, che introduce, proprio in occasione del primo compleanno le funzionalità di Promozioni e Scontistica, grazie alle quali le attività potranno rendere le loro offerte più competitive e creare maggiore coinvolgimento per gli utenti sulla piattaforma. Inoltre, Quite Simple annuncia anche l’apertura del canale YouTube “Non è un Tapiro”, nel quale pubblicherà video che raccontano la vita in azienda. Sul canale è già presente il primo episodio, che raccoglie vari momenti divertenti filmati nel primo anno di attività.