Allevamento clandestino di 17 pitbull, denunciati in 18

SULMONA – Ben 17 pitbull legati con pesanti catene e chiusi nelle gabbie. I carabinieri Forestali hanno scoperto in località Querceto un allevamento abusivo di cani di grossa taglia probabilmente destinati ai combattimenti clandestini. I pitbull provenivano da allevamenti delle provincia di Caserta e della Sicilia.

Sono state denunciate 18 persone, due ritenuti i proprietari dei cani (M.T, di anni 42, e G.T) e 16 i titolari dei terreni su cui sono state fatte opere edilizie abusive, utilizzando materiali di scarto e anche eternit.
I reati ipotizzati sono quelli previsti dal DPR 380/01 sulle norme urbanistiche, per la realizzazione abusiva delle strutture di ricovero; dal DPR 152/2006 per l’abbandono e gestione illecita di rifiuti; dal Codice Penale all’art.544 per il maltrattamento degli animali. Per le violazioni, le pene previste sono di carattere penale e vanno dall’arresto fino a due anni e l’ammenda fino a 51.645,00 euro (per l’edilizia); l’arresto da 1 a tre anni e l’ammenda fino a 52.00,00 euro (per i rifiuti); la reclusione da 3 a 18 mesi  o la multa fino a 30.000,00 euro (per il maltrattamento).