Consiglio, bilancio approvato a tarda notte. Seconda convocazione disertata dalla maggioranza

SULMONA – È stato approvato dopo la mezzanotte e dopo una lunga e sfinente seduta l’ultimo bilancio previsionale della giunta Casini con 9 voti a sette. Il documento programmatico da 40 milioni di euro punta sulla riorganizzazione della macchina amministrativa, sulle scuole e la sicurezza.
Dei 40 milioni di euro 24 vengono destinati alla spesa corrente. Il 2021 dovrebbe essere l’anno di una nuova infornata di dipende comunali: 17 a tempo indeterminato e 11 con contratto a scadenza, più le 8 in corso riferite al 2020.
Per gli investimenti ci sono 16 milioni di euro, tra cui il plesso unico scolastico di via XXV Aprile per un importo di 450mila euro, appalto che andrà a gara entro l’estate; la riqualificazione della caserma Cesare Battisti destinata a diventare sede della Protezione (due milioni di euro); la scuola d’infanzia di Bagnaturo (457mila euro); il completamento del plesso scolastico Masciangioli e l’avvio del primo lotto dei lavori per la scuola Lombardo Radice.
Saranno poi realizzate le rotatorie di via Japasseri, (200mila euro) e di fronte al vecchio ingresso dell’ospedale in via Mazzini, per un importo di 290mila euro. Dovrebbe vedere la luce anche il cantiere su via Turati dopo 11 anni dalla frana, oltre che quelli sui costoni del Vella, nella zona di Gadal, dell’eremo di Sant’Onofrio e del Casino Pantano.
Stasera, infine, in seconda convocazione, fissata ieri a tarda notte in extremis (dopo anche i circa 40 emendamenti presentati dalla consigliera Roberta Salvati), giunta e maggioranza non si sono presentate, con la minoranza che si è approvata all’unanimità lo stop alla proroga della nomina del comandante della polizia municipale, Leonardo Mercurio, che per il consigliere Mauro Tirabassi esporrebbe il Comune ad un’ennesima vertenza. Provvedimento molto probabilmente destinato a restare su carta e nella memoria di un consiglio comunale “monco”.