Gestione Tmb, Daneco condannata a risarcire più di mezzo milione a Cogesa

SULMONA – Vittoria su tutta la line per Cogesa nella causa contro Daneco, la società che dal 2005 ha gestito l’impianto di Trattamento meccanico biologico.
Il giudice del tribunale di Sulmona Marta Sarnelli ha riconosciuto oggi un risarcimento da più di mezzo milione di euro nella causa intrapresa dall’ex amministratore Vincenzo Margiotta e affidata all’avvocato Alberto Paolini, il cui compenso sarà pagato dalla Daneco.

Il Tribunale ha accertato che il Cogesa ha diritto al risarcimento dei danni patiti per un valore di 523.612, 76 euro e ha ordinato la “compensazione dei crediti rispettivamente vantati dalle parti e per l’effetto, condanna Daneco e in concordato, in persona del legale rappresentante pro tempore, al pagamento della differenza pari ad € 39.898,76”.

Il giudice ha rilevato un “grave inadempimento della Daneco Impianti s.r.l. in liquidazione e in concordato preventivo nell’esecuzione della Convenzione relativa alla concessione di adeguamento, completamento e riattivazione dell’impianto di trattamento meccanico e biologico (TMB) dei rifiuti urbani non pericolosi”.

Soddisfatto l’ex amministratore unico che ha avuto ragione della sua scelta.