Caso Conti, la famiglia: non è stato suicidio

SULMONA – La Procura della Repubblica di Sulmona ha chiesto nuovamente l’archiviazione ma per i familiari bisogna continuare ad indagare. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sulmona, Marco Billi, ha fissato l’udienza per il caso dell’ex forestale Guido Conti, rinvenuto cadavere lungo la strada provinciale Morronese, quella terribile serata del 17 novembre 2017. Per la Procura si è trattato di un suicidio ma i familiari di Conti, per il tramite dell’avvocato Alessandro Margiotta, hanno chiesto alla magistratura di andare a fondo sulla vicenda e disporre nuove indagini, oltre quelle già svolte dopo la prima opposizione. Almeno su tre punti si baserebbe la nuova istanza della famiglia: il bossolo rinvenuto sul luogo del ritrovamento del cadavere di Conti, la testimonianza di due ex colleghi della Forestale che Conti avrebbe incontrato qualche giorno prima della tragedia e l’interlocutore sconosciuto con il quale l’ex Forestale avrebbe comunicato telefonicamente qualche ora prima della tragica fine. Tre elementi ancora tutti da snocciolare e da chiarire, almeno secondo i familiari, che nutrono dubbi e perplessità. Davanti al giudice si tornerà il prossimo 12 novembre alle ore 9,30. 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0