Mercato, da domani si torna alla “normalità” con banchi in via Federico II e corso Ovidio

SULMONA – Da domani il mercato di piazza Garibaldi torna nelle tradizionali giornate di mercoledi e sabato, dislocato anche lungo via Federico II e una parte di Corso Ovidio, aperto a tutti i settori merceologici, adeguato alle normative della seconda fase dell’emergenza covid.
“Il mercato di Sulmona è l’unico nella nostra provincia a riaprire nella sua completezza restando nel centro storico, senza essere spacchettato nelle zone della città come avviene altrove – interviene il vice sindaco e assessore alle Attività produttive Marina Bianco – Sono soddisfatta di questo lavoro complesso che abbiamo portato avanti in queste settimane trovando l’accordo degli ambulanti, con i quali ci siamo confrontati in diverse riunioni proficue e delle associazioni di categoria: Confesercenti, nella persona di Pietro Leonarduzzi, Cna, Franco Ruggeri, e Confcommercio Alberto Capretti. Con delibera di Giunta abbiamo approvato l’apertura del nuovo mercato temporaneo che è adeguato alle misure di sicurezza anticovid, rispettando le normative vigenti di Governo e Regione che disciplinano le modalità di attuazione dei mercati e soprattutto le misure di prevenzione. E’ stato approntato anche il Piano della sicurezza, che recepisce il protocollo della gestione del mercato. Saranno indicate, attraverso apposita cartellonistica e segnaletica a terra, le vie di fuga, gli ingressi, le uscite e i relativi percorsi da seguire per gli acquisti. Sono 98 gli aventi diritto, che comprendono generi agroalimentari, nonchè tutti gli altri settori merceologici, esclusa la vendita delle merce usata. Ci siamo impegnati molto, in sinergia con ambulanti e associazioni al fine di mantenere il mercato all’interno del centro storico, andando incontro alle esigenze di tutti nell’interesse della cittadinanza e nel rispetto delle misure di sicurezza. In questa fase delicata di ripresa delle attività produttive e commerciali “conclude il vicesindaco “ci avviamo verso una situazione di normalità, ma l’emergenza sanitaria non è ancora terminata. Faccio appello a tutti affinchè rispettino il distanziamento sociale, l’uso di mascherine, guanti e igienizzanti e, in particolare, agli esercenti le disposizione previste dall’ordinanza regionale. Ringrazio gli uffici e tutti coloro che mi hanno supportata in questa delicatissima fase”.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0