Coronavirus, famiglia in isolamento volontario a Castel di Sangro

CASTEL DI SANGRO – Una famiglia di Castel Di Sangro è in isolamento volontario per prevenzione da Coronavirus. La notizia è stata DATA VIA Facebook dal sindaco del paese, Angelo Caruso, che ha rassicurato la popolazione sulle condizioni dei tre soggetti che si sono messi in quarantena, nella propria abitazione, dopo aver partecipato nei giorni scorsi a un funerale in Puglia.  “Al momento nella nostra città non si registra alcun caso di infezione, questo lo sottolineo con forza, parimenti affermo che non ci sono stati rischi in nessun plesso scolastico o di altre strutture pubbliche della nostra città, compreso il presidio ospedaliero”- rimarca il sindaco Caruso spiegando che “l’isolamento volontario cui sono stati sottoposti alcuni soggetti non ha dato alcun esito di infezione, mentre per qualcun altro sottoposto a tale regime non vi sono segnali di infezione. Per questi ultimi da un’analisi eseguita sul tipo di contatti avuti la probabilità di contaminazione è davvero scarsa, tuttavia per loro si è applicato con il massimo rigore il regime previsto”. Il primo cittadino ricorda di essere in stretto contatto “con Asl, Prefettura e servizio sanitario regionale per monitorare con la massima attenzione l’evoluzione della situazione. Prego tutta la cittadinanza di attenersi alle norme di prevenzione igenico-sanitarie previste dalla Regione Abruzzo e nei provvedimenti del Governo. Ribadisco che in presenza di casi sospetti si consiglia di contattare il proprio medico o pediatra di base mentre per informazioni è possibile contattare il numero telefonico di pubblica utilità istituito da Ministero della Sanità, 1500, attivo 24 ore su 24. Chiamateci, scriveteci, ma vi prego davvero, niente panico: tutte le istituzioni sono a lavoro e a loro va il mio e il nostro ringraziamento per tutto quello che faranno per la nostra comunità; per questo vi chiedo di leggere solamente le informazioni istituzionali e non rincorrete mai alcuna diceria. Adesso è il momento della responsabilità e di riconoscerci comunità come mai abbiamo fatto finora”, conclude il sindaco.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0