Rsa di Pratola in stand by da tre anni, la Cgil chiede lumi

PRATOLA PELIGNA – “Che fine ha fatto la Rsa di Pratola Peligna?”. La domanda arriva dal segretario provinciale della Cgil Francesco Marrelli, dal segretario della Funzione Pubblica Anthony Pasqualone e dal segretario dello Spi Ennio Mastrangioli attraverso un comunicato della Cgil provinciale. Risale a tre anni fa la firma della convenzione tra il Comune di Pratola Peligna, guidato allora dall’ex sindaco Antonio De Crescentiis, e la Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila per la realizzazione di una nuova residenza per anziani non autosufficienti nell’edificio della ex scuola media. “Sembrerebbe che, a seguito degli approfondimenti progettuali e rilievi effettuati sulla struttura esistente, i fondi messi a disposizione non siano sufficienti per la realizzazione dei necessari adeguamenti e messa in sicurezza sismica, oltre quelli per la ristrutturazione dell’immobile”- fanno sapere dalla Cgil che aggiunge: “se queste sono le ragioni riteniamo necessario e urgente che la Regione metta a disposizione le ulteriori risorse necessarie per riavviare i procedimenti relativi alla progettazione ed esecuzione dei lavori previsti, così da dotare la Valle Peligna di una struttura residenziale per gli anziani e le persone non autosufficienti, attualmente costrette a ricoverarsi in strutture pubbliche a notevoli distanze, oppure in strutture private dai costi insostenibili per le famiglie”. Al momento sono solo 60 i posti letto accreditati nel Servizio Pubblico, a fronte di una attivazione di 525 posti letto su tutto il territorio regionale.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0