Videosorveglianza, funzionano solo 5 telecamere su 36

SULMONA – Sono solo cinque su 36 le telecamere che funzionano in città. L’amaro report sulla videosorveglianza cittadina arriva dal comando dei vigili urbani, all’indomani del tavolo in Prefettura sull’ordine e la sicurezza pubblica. Si sono scelte alcune misure per intensificare i controlli in centro storico come il potenziamento dell’illuminazione pubblica, pattugliamenti più frequenti ma anche l’adozione del daspo per chi spaccia sostanze stupefacenti con il conseguente aggiornamento del regolamento di Polizia Locale. Ma uno dei punti sul quale sindaco e Prefetto si sono lasciati è il miglioramento della videosorveglianza. Il “grande fratello” cittadino necessita quindi di una manutenzione più incisiva a giudicare dalle risultanze della mappatura che è stata eseguita in occasione del progetto di potenziamento e implementazione della videosorveglianza. Trentuno telecamere non funzionano e cominciano ad essere troppe soprattutto se alcuni casi di cronaca complicano e non poco le indagini investigative. Dalla mappatura effettuata nei giorni scorsi è emerso che nuovi impianti di videosorveglianza servono nelle seguenti zone della cuttà: centro storico compreso all’interno delle due circonvallazioni, la zona compresa tra via Cappuccini e via L’Aquila ( anche via Avezzano), la zona compresa tra viale Costanza e via Lamaccio, la zona compresa tra viale della Repubblica e l’ex strada statale 17, le frazioni del comune di Sulmona.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0