Caso malasanità a Sulmona, paziente obeso: risposta della Lega al Direttore Asl1 Tordera

SULMONA – “Quelle che – a seguito del Comunicato stampa del 22 agosto del Coordinamento cittadino Lega Sulmona – il manager Tordera della Asl1 definisce come «dichiarazioni fuorvianti, costruite sul nulla», non solo descrivono un fatto oggettivo e non una opinabile e soggettiva ricostruzione, ma evidenziano anche una scelta direttiva sbagliata nel merito e nel metodo”, questa la risposta della Lega sulmonese alle ultime dichiarazioni di Tordera, nella polemica apertasi per la gestione del paziente obeso ricoverato, per ordine della Direzione generale, presso l’ospedale di Sulmona.

“Nel merito infatti, la Lega Sulmona ha inteso così evidenziare che, nonostante l’esistenza di reparti specializzati in chirurgia ed assistenza bariatrica negli ospedali di primo e secondo livello della provincia dell’Aquila e contermini, la relativa tipologia di paziente sia stata invece indirizzata a una struttura di base (Sulmona) che poteva non essere in grado di soddisfare al meglio esigenze e complicazioni”.

“Nel metodo poi, risulta incomprensibile del perché, con tale scelta, si sia evidentemente ordinato di occupare un posto nel reparto di “Rianimazione” e non già nell’inesistente reparto chirurgia “Bariatrica”, senza che ve ne fosse la diretta necessità, ma solo per motivi di resistenza di branda al peso del paziente”.

Concludono i leghisti: “Infine, una domanda non può rimanere senza risposta: a chi si riferisce il dott. Tordera quando sostiene «che il paziente obeso di cui si parla è stato operato da uno dei nostri chirurghi bariatrici che lavorano all’Ospedale di Sulmona» (?). Dal momento in cui non risulta tale specialità nell’elenco delle disponibilità professionali dei medici assunti e disponibili nella struttura ospedaliera di Sulmona”.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0