Crisi di maggioranza, Casini: non mi dimetto

SULMONA – “Io non mi dimetto, tante cose sono state fatte e ancora altre vanno fatte per il bene della città. Le dimissioni dei consiglieri e l’arrivo di un altro commissariamento sarebbe un gesto molto irresponsabile, che Sulmona e i suoi cittadini non meritano. Per questo sono in Comune e ho intenzione di andare avanti con la consiliatura, che non si riferisce al solo sindaco, ma che chiama in causa la collaborazione dei consiglieri”.

Così il sindaco di Sulmona Annamaria Casini interviene sull’ultima crisi aperta dall’ultimo consiglio andato deserto in prima commissione.

“Non sono io la protagonista di questa vicenda – aggiunge – la decisione spetta ai consiglieri, con cui contatti non mancano, ma la determinazione della situazione non spetta a me, che sono in attesa di un confronto delle forze politiche, con la consapevolezza che un programma politico da seguire c’era, c’è e ci sarà. Andare a casa ora sarebbe da irresponsabili – continua il sindaco – Nel frattempo, io continuo a lavorare come ho sempre fatto”. 

Da parte loro i consiglieri capeggiati dall’ex sindaco Bruno Di Masci, che a febbraio erano entrati in maggioranza per evitare un commissariamento lungo un anno e sei mesi, rivendicano l’esperienza a termine della giunta tecnica.

“Noi usciremo a gennaio dalla maggioranza per andare al voto in primavera 2020”, avverte l’ex sindaco Di Masci in un’intervista televisiva, lasciando intendere i giorni contati per Casini.