San Raffaele, sindacati pronti a nuova mobilitazione

SULMONA – Sono pronti a nuove mobilitazioni i sindacati per la vertenza San Raffaele e per salvare gli 11 posti di lavoro.

“All’incontro in prefettura oltre alla proprietà e ai lavoratori del San Raffaele, erano presenti il direttore del dipartimento regionale di Salute e Welfare e un dirigente della Asl – Antony Pasqualone, territoriale della Cisl Mauro Incorvati e provinciale della Uil Fpl Antonio Ginnetti – La casa di cura San Raffaele, lo ricordiamo, eroga un servizio di altissima intensità assistenziale. Si tratta di prestazioni sanitarie importantissime e complementari al pubblico che producono anche mobilità attiva. Si parla sempre di complementarità tra sanità pubblica e privata e poi questo non avviene quasi mai. La casa di cura invece esce da questi schemi e proprio per questo è necessario un intervento immediato che andrà a salvare, oltre al servizio, anche gli 11 posti di lavoro degli operatori e la loro professionalità”.