Arresto dell’economo, blitz della finanza in Comune: nessun ammanco

SULMONA – Blitz della guardia di finanza stamattina in Comune per sequestrare carte e documenti dall’ufficio di Armando Di Pietro, l’economo arrestato nei giorni scorsi con 15 chili di droga nel garage.

Le fiamme gialle sono rimaste più di un’ora in Comune per verificare i documenti, dopo le segnalazioni dei dipendenti in procura di un esubero di cassa. Nessun ammanco, dunque, come specifica l’assessore al Bilancio Stefano Mariani.

“Dopo le vicende degli ultimi giorni che hanno interessato l’Ufficio Economato del Comune, “sono stati promossi dei controlli accurati” prosegue l’assessore “e proprio gli accertamenti svolti dal Collegio dei Revisori dei Conti e dagli uffici stessi hanno consentito di appurare che non risulta assolutamente un ammanco, al termine dell’attività “doverosa di controllo” promossa in municipio, le cui risultanze sono comunque al vaglio degli inquirenti che ne valuteranno l’utilità ai fini delle indagini. L’amministrazione, guidata dal Sindaco Annamaria Casini, respinge pertanto “qualsiasi illazione che possa arrecare danno all’Ente in relazione al “maxi ammanco” di cui parla oggi la stampa e, anche a tutela dell’immagine dell’Ente, precisa che la Giunta comunale “si riserva di adire le vie legali, a tutela dell’immagine dell’Ente stesso”.