Un supermercato della droga nel garage del dipendente comunale

SULMONA – Si allarga l’inchiesta sullo spaccio di droga che ieri ha portato in manette Armando Di Pietro, insospettabile economo del Comune di Sulmona.

Già perché quel chilo e mezzo di cocaina che gli è stato trovato in garage e che stava scaricando il romano Antonio Esposito era destinato al mercato della Sulmona bene. In molti ora temono che l’inchiesta si allarghi e che vengano fuori altre persone coinvolte. Quel che è certo è che da tempo Di Pietro era un osservato speciale, magari dopo i pedinamenti per l’inchiesta sui furbetti del cartellino, in cui è tra i coinvolto, che hanno portato nel suo caso i finanzieri a scoprire più dell’assenteismo dal Comune.