Distretto sanitario attivo nella palazzina Rubeo

SULMONA – Circa 1.000 metri quadrati per servizi e attività ‘spalmati’ su 2 piani, con un netto miglioramento in termini di spazi e di fruibilità delle prestazioni per utenti e operatori sanitari. Questa, in sintesi, la ‘fotografia’ della nuova sede del distretto sanitario di Sulmona, che da oggi si è spostato dai vecchi locali, collocati dietro l’ospedale, ai nuovi della palazzina Rubeo, situata al fianco dell’attuale presidio. Al primo piano vi sono ambulatori di specialistica, cure intermedie, Adi (assistenza domiciliare integrata) e anagrafe sanitaria. Sempre al primo piano, grazie a una maggiore disponibilità di spazio, è stata assicurata una migliore collocazione del servizio che si occupa della distribuzione degli specifici alimenti a celiaci, diabetici e nefropatici. Per questo tipo di necessità, in virtù della nuova organizzazione logistica, i pazienti affetti da diabete non dovranno  più andare in ospedale.

Al secondo piano si trovano gli uffici del Pua (punto unico di accesso) e l’Uvm (ufficio di valutazione multidimensionale), oltre alla direzione del distretto sanitario che, dopo il recente pensionamento del dr. Salvatore La Civita, per l’area peligno-sangrina fa attualmente capo al direttore facente funzione, dr.ssa Agata Arquilla. Le operazioni di trasferimento, dal vecchio al nuovo distretto sanitario di Sulmona, sono state attuate tra giovedì e venerdì scorsi, garantendo la piena continuità di tutte le prestazioni e senza alcun disagio per l’utenza. Da oggi, per gli utenti che hanno necessità di avvalersi delle prestazioni del distretto sanitario (a cuisi accede tramite la strada asfaltata realizzata di recente) è disponibile un parcheggio che non è soggetto a pagamento della sosta. Un’opportunità preziosa che dovrebbe agevolare la mobilità e gli spostamenti dei numerosi utenti che ogni giorno hanno bisogno delle prestazioni degli ambulatori e degli altri servizi erogati.