Promosso l’agente aggredito con olio bollente in carcere

SULMONA – “Esempio di alto senso del dovere e non comuni capacità professionali. 20 giugno 2018 – Sulmona”.

Queste le motivazioni che hanno portato il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria Francesco Basentini a conferire il grado di Sovrintendente di Polizia Penitenziaria ad Andrea Paglieta. L’agente era in servizio nel carcere di Sulmona a giugno dell’anno scorso quando fu salvato da cinque detenuti che riuscirono a sottrarlo dall’ira di un ergastolano il quale, dopo avergli buttato addosso dell’olio bollente, “gli stava dando fuoco con un accendino”.

“Non posso esimermi dal ringraziare anche la senatrice Gabriella Di Girolamo, il Direttore del carcere di Sulmona Sergio Romice, il comandante della polizia penitenziaria di Sulmona Sarah Brunetti. Tutti hanno saputo offrire un notevole contributo nel far sì che quella che poteva rappresentare una tragedia l’abbiamo vista trasformare in una favola”- rimarca il Segretario Confederale Uil, Mauro Nardella, che si congratula con il neo Sovrintendente.