Corridoio Tirreno -Adriatico, Casini incalza la Regione

SULMONA – I recenti tentennamenti della giunta regionale sul corridoio Tirreno-Adriatico e le conseguenti opportunità di sviluppo spingono il sindaco Annamaria Casini a chiedere chiarezza. In particolare, il primo cittadino, sulla scorta delle conclusioni a cui si era arrivati durante il convegno sul tema a palazzo San Francesco, ricorda l’importanza dei collegamenti col litorale e soprattutto i porti laziali e ancor di più col sistema portuale Tirreno-Adriatico, a dispetto di quello di Ancona.

“Sarebbe fortemente negativo per le nostre aree interne lasciarsi scappare un’importante opportunità come quella del corridoio Tirreno-Adriatico con autorità di sistema portuale Ortona- Civitavecchia – spiega – Perdere la governance con Civitavecchia significa perdere il corridoio Ten-t trasversale e quindi rinunciare a grandi opportunita’ di finanziamenti europei. E per questo è importante chiarire quale sia la posizione della Regione in merito. Un progetto al centro di un interessante e proficuo convegno regionale, che ho organizzato nei giorni scorsi a Sulmona con ampia partecipazione di sindaci, associazioni datoriali, sindacati tutti d’accordo a favore di un’unica governante dei porti abruzzesi con Civitavecchia autorità portuale di riferimento, che consente di agganciarci ai porti di Roma Capitale e creare le condizioni di un corridoio Ten T. Tanto che abbiamo inviato un documento congiunto al Ministro Danilo Toninelli e al Presidente della Regione Marco Marsilio, puntando anche ad incontrare i sindaci laziali in tempi brevi, anche loro concordi su un’ unica strategia di sviluppo. Durante il convegno il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Umberto D’Annuntiis, delegato dal Presidente Marsilio, ha espresso con chiarezza una posizione a favore, ribadendo quanto tra l’altro affermato dal governatore stesso nel discorso del suo insediamento. In questi giorni, invece, leggiamo sulla stampa una dichiarazione dell’assessore regionale Mauro Febbo, più attendista e meno decisa, che sembra propendere per il porto di Ancona. E’ urgente e necessario fare chiarezza su quale sia la reale posizione della Giunta regionale proprio su questo tema in quanto è l’unica opportunità per rilanciare lo sviluppo delle aree interne e dell’intero Abruzzo”.