SULMONA – Potrebbe restare a lavorare a Sulmona il ginecologo Gianluca Di Luogi grazie al piano stralcio  della Regione e all’accordo che dovrà arrivare tra la Asl di Avezzano-Sulmona-L’Aquila e quella di Vasto, dove il medico avrebbe dovuto prendere servizio dal prossimo 16 aprile.

Dopo aver recepito le richieste della Asl la Regione non ha sciolto subito la riserva ma ha tenuto tutti con il fiato sospeso. Oggi è stato rilasciato il provvedimento. L’assessore regionale alla sanità, Nicoletta Verì, e il direttore del Dipartimento Salute e Welfare, Angelo Muraglia, hanno firmato questa mattina a Pescara i provvedimenti che consentono una serie di assunzioni immediate nelle Asl, nelle more della predisposizione dei piani triennali del fabbisogno di personale. Nella Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila potranno essere assunti 2 dirigenti medici, disciplina di malattie infettive e un dirigente medico di ginecologia e ostetricia. Ora comincia la fase di interlocuzione tra la Asl 1 e quella di Chieti dove Di Luigi dovrebbe prendere servizio dal prossimo 16 aprile con un contratto a tempo indeterminato nell’ospedale di Vasto. Lo stralcio apre una possibilità per la permanenza a Sulmona dopo anni di precariato insostenibile. Resta intanto nell’emergenza il reparto di oncologia dell’ospedale di Sulmona che continua a lavorare con un solo medico e non si ravvedono, nonostante le richieste di incontro, dei provvedimenti per potenziare l’organico.