Busto di Capograssi danneggiato da pulizia improvvisata, sindaco: no al volontariato scollegato dalle istituzioni

SULMONA – L’imorenditore Pasquale Di Toro e una testata giornalistica online di Sulmona avevano avviato nei giorni scorsi la pulizia del busto di Capograssi nell’aiuola nei pressi del tribunale. Peccato che i prodotti utilizzati non devono essere stati quelli giusti, tanto è vero che ora il busto è stato danneggiato, col bronzo che ha perso colore. L’operazione era stata filmata e postata sui social come esempio di cittadinanza attiva.

Da qui il monito del sindaco al volontariato, soprattutto a quello improvvisato e scollato dalle istituzioni.

“Il volontariato è una grande risorsa per la città, ma deve viaggiare senza improvvisazioni al fianco di Enti, professionalità ed esperti abilitati agli interventi – fa notare Annamaria Casini – Sono diversi gli ambiti in cui collaborare per il bene comune, come è stato già sperimentato con successo nella cura delle aree verdi e delle fioriere, affidate ai cittadini che ne hanno fatto richiesta. Anche la salvaguardia dei beni culturali è stata oggetto di grande sensibilità da parte di cittadini e associazioni che, negli anni, si sono distinti con gesti di grande generosità nei confronti del patrimonio storico e artistico, materiale e immateriale, di Sulmona, con importanti progetti in collaborazione con il Comune e la Soprintendenza. È nostra intenzione proseguire questo percorso di salvaguardia e valorizzazione di beni comuni ma solo in condivisione con gli Enti preposti e in collaborazione con professionalità adeguate e abilitate ad effettuare interventi specifici e mirati nei vari contesti. Il volontariato è, infatti, una preziosa risorsa per il bene comune, ma non può prescindere dalla sinergia con professionalità abilitate ed Enti, sempre nell’esclusivo interesse della cittadinanza stessa”. E’ quanto afferma il sindaco Annamaria Casini, spiegando che “In seguito alla ripulitura da parte di mani non esperte sul busto di Capograssi nei giorni scorsi, i responsabili, rendendosi conto dell’importanza e della necessità di dover agire ricorrendo a professionalità abilitate e in collaborazione con gli Enti preposti, provvederanno, a proprio carico, a procedere con  un corretto intervento di restauro, con personale altamente specializzato nel settore. Sono azioni lodevoli” conclude il sindaco “che denotano sensibilità e attaccamento alla propria città, che continueremo ad accogliere con la stessa riconoscenza ma solo se attivate in collaborazione con professionalità ed Enti”.