Marelli, operaio non viene fatto entrare in azienda per un provvedimento disciplinare

SULMONA – Nella mattinata di oggi ad un dipendente della Sistemi Sospensioni spa di Sulmona, azienda del gruppo Magneti Marelli, sarebbe stato fisicamente impedito di accedere allo stabilimento e, quindi, di recarsi sul posto di lavoro. Alla base della situazione ci sarebbe un provvedimento disciplinare di sospensione irrogato ai danni dello stesso dipendente, il quale, tuttavia, avrebbe regolarmente chiesto  all’Ispettorato del Lavoro de L’Aquila la definizione conciliativa della controversia nata dalla contestazione dello stesso provvedimento.
A denunciare l’accaduto è Giustino D’Uva, dirigente nazionale del Sindacato Nazionale dei Lavoratori italiani, cui il lavoratore in questione è iscritto: “Questa mattina è stato perpetrato un abuso gravissimo ai danni di un lavoratore nostro assistito. Abbiamo immediatamente diffidato l’azienda a consentire l’accesso al posto di lavoro all’operaio e, qualora non intenda conformarsi alle prescrizioni di legge, siamo pronti ad attuare tutte le contromisure, pur drastiche, necessarie affinché i diritti dei lavoratori siano rispettati e sottratti alle scelte arbitrarie delle grandi aziende, che pensano di poter trattare i propri dipendenti come schiavi privi di ogni garanzia”.