Precari Cogesa, stato di agitazione revocato

SULMONA –  Stato di agitazione revocato e conclusione positiva per l’incontro che si è svolto stamattina in Prefettura sui dipendenti precari del Cogesa. Il tentativo di conciliazione è stato avviato dalla segreteria provinciale della Fit Cisl dell’Aquila per risolvere la vertenza dei 28 lavoratori con contratti in scadenza ‪al 31 marzo‬ prossimo (8 in verità già terminati a fine anno).
“Noi in verità non abbiamo mai ricevuto la nota che la Cisl dice di aver mandato il 5 dicembre scorso – interviene l’amministratore unico di Cogesa SpA Vincenzo Margiotta – altrimenti avremmo pianificato un incontro coi rappresentanti sindacali prima, per dimostrare la nostra disponibilità abbiamo già fissato una prossima riunione con loro per ‪il 25 gennaio‬ alla presenza dei soci. In quella sede ascolteremo tutte le richieste della Cisl. Fondamentale sarà la decisione dei sindaci soci sulla questione e quando sarà stata assunta, informeremo le parti sociali”.
Da qui le precisazioni sulla pianta organica.
“Mi preme ribadire che dal primo luglio 2017 non abbiamo proceduto a nessuna assunzione a tempo indeterminato – continua Margiotta – ma nello stesso tempo abbiamo necessità di nuove graduatorie per sopperire ai periodi di alta stagione nei Comuni e alle sostituzioni per malattia, come in questo momento. Per questo, abbiamo pronto il nostro piano industriale che già lunedì sarà consegnato ai soci e alle parti sociali”.
L’incontro di stamattina in Prefettura si è svolto alla presenza – tra gli altri –  dei rappresentanti istituzionali di Cansano (Mario Ciampaglione), Castelvecchio Subequo (Pietro Salutari), Raiano (Marco Moca) e Sulmona (assessore Stefano Mariani) e di Angelo De Angelis della Fit Cisl.
Il prossimo incontro con i sindacati si terrà ‪il 25 gennaio‬ nella sede di Cogesa.