Picchiò violentemente un 41enne, Cassazione rigetta ricorso: 35enne ai domiciliari

SULMONA – La Cassazione rigetta il ricorso e allegerisce la pena detentiva per Massimiliano Le Donne, il 35enne sulmonese che il 29 maggio picchiò violentemente un 41enne. Per il reato di lesioni gravi e per aver violato la misura di prevenzione di sorveglianza speciale il giovane era finito dietro le sbarre dopo le indagini condotte dalla Squadra Anticrimine del Commissariato di Sulmona, coordinata dall’ispettore superiore Daniele L’Erario. Il caso è finito in Cassazione dopo il ricorso presentato dall’avvocato Alberto Paolini contro la misura cautelare stabilita dal Tribunale del Riesame dell’Aquila. Ma la Cassazione ha rigettato il ricorso e il 35 enne finisce agli arresti domiciliari, fermo restando la misura di sorveglianza speciale che si riferisce però ad altri episodi. La vittima, anch’egli di Sulmona, rimediò gravi lesioni che imposero il ricovero presso il reparto di chirurgia maxillo–facciale dell’Ospedale San Salvatore di L’Aquila, per essere sottoposta ad intervento chirurgico.