Autostrade, provvedimento storico: revoca della concessione a Toto, passa ad Anas

ROMA – Nell’odierna seduta del Consiglio dei ministri è stata revocata  la concessione dell’Autostrada dei Parchi A24 e A25 alla società Strada dei Parchi della Toto Holding.

Il provvedimento è stato annunciato dal ministro Stefano Patuanelli che ha parlato di atto “storico” aggiungendo ‘finalmente si riequilibra il potere tra i concessionari e lo Stato”.

Il Ministero delle Infrastrutture in una nota ha parlato di un provvedimento che “tiene conto degli esiti della procedura per grave inadempimento, attivata a dicembre 2021 dalla Direzione generale del Mims, in considerazione delle molteplici criticità riscontrate nella gestione dell’autostrada, compreso l’inadeguato stato di manutenzione”.

Per la concessionaria invece non ci sarebbe stato “nessun inadempimento, è un autentico sopruso al quale reagiremo prontamente e duramente chiedendo i danni ai responsabili”.

Infine il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio ha così commentato, “per un verso dico: finalmente il governo ha preso una decisione. Sono anni che chiediamo di fare una scelta per capire il destino delle autostrade A24 e A25. Spero però che il governo abbia formidabili argomenti per questa revoca a Strada dei Parchi perché ho una preoccupazione fortissima: in un paese, dove Benetton e Atlantia sono stati liquidati con 8 miliardi di euro dopo aver fatto crollare un ponte con decine di morti, è difficile pensare che Toto se ne andrà dalla concessione sulle autostrade abruzzesi gratis. Questa scelta del governo darà vita a un contenzioso micidiale. Mi auguro che nel frattempo non si blocchi e nemmeno rallenti le attività di messa in sicurezza sismica della tratta autostradale e dell’acquifero del Gran Sasso e che, soprattutto, questa storia non costi alle casse pubbliche uno o due miliardi di euro per pagare il concessionario. Soldi tolti all’Abruzzo e agli abruzzesi che invece sarebbero stati utili per fare opere pubbliche importanti”.