Amministrative e politica, “Sulmona protagonista”: il vuoto delle due coalizioni avversarie

SULMONA – Per la coalizione civica “Sulmona protagonista” con Andrea Gerosolimo candidato sindaco le due coalizioni avversarie non fanno altro che attaccare gli avversari senza confrontarsi sui temi e dimostrando che il vuoto in politica esiste davvero.

“Le due coalizioni nostre avversarie, centrodestra e centrosinistra, infatti, stanno dimostrando in questa campagna elettorale che in politica il vuoto esiste davvero – spiegano dalla Coalizione Sulmona protagonista – Il vuoto della politica che il continuo stillicidio di polemiche personali non riuscirà mai a colmare.
Perché solo chi non ha temi o argomenti resta con l’unica arma tra le mani di attaccare l’avversario ed insultarlo, per cercare di vincere la sfida.
Siamo delusi da un confronto costruito in questi termini.
Siamo delusi da una campagna fatta di  calunnie e pseudo dossier segreti.
Sono sistemi che portano all’odio ed alla contrapposizione radicale, un odio che è in grado di danneggiare tutti gli attori, nessuno escluso, e la Città stessa.
Noi andiamo avanti per la nostra strada accompagnati da un disegno ben preciso del territorio, della città e della comunità che andremo a governare e da un progetto lungimirante per dare a Sulmona quel che merita.
Lanceremo un grande piano di rilancio fondato sul turismo, cambieremo le dinamiche finanziarie, faremo della città il cuore della produzione culturale, faremo del comprensorio un unico territorio ed un unico popolo, ci collegheremo con i bacini sciistici, con Pescara e con Roma, difenderemo in nostri presidi, faremo al Parco Fluviale una “Sulmona 2.0”, abbatteremo le barriere architettoniche,  porteremo gente e risorse economiche, colmeremo le distanze che allontanano i deboli, creeremo la cultura della solidarietà e dell’accoglienza.
Ed abbiamo ancora altre idee in testa tutte funzionali ad un progetto e ad un concetto della città che gli altri non hanno.
Noi andiamo avanti per la nostra strada e non c’importa delle polemiche che oggi sono sul Cogesa e domani chissà su cosa. Come se i problemi della società fossero degli ultimi 5 anni e non problemi decennali che né le governance di centrodestra né quelle di centrosinistra hanno saputo risolvere e che, anzi hanno, addirittura, aggravato.
Non ci importa se sanno solo attaccare, perché in realtà non propongono nulla.
Non ci importa delle passerelle dei loro notabili: sono arrivati in città tutti adesso, sotto campagna elettorale, talmente confusi che non hanno saputo dire nulla di concreto o si sono contraddetti tra di loro come è accaduto sul Tribunale.
Noi andiamo avanti incontrando i cittadini, nelle piazze e nelle strade della città, ascoltando i problemi dei cittadini perché il nostro lavoro, nel prossimo futuro, sarà quello di risolverli.
Gli altri continuino pure a strepitare e ad insultare. Non li ascoltiamo. Il vuoto non ha suoni”.