Comunali, Gerosolimo rompe gli indugi: mi candido per il rilancio della città-territorio

SULMONA – Andrea Gerosolimo rompe gli indugi e si candida a sindaco della città di Sulmona. 47 anni, avvocato, già consigliere comunale nell’ultima giunta La Civita, provinciale e assessore regionale con Luciano D’Alfonso, Gerosolimo affida a Facebook l’annuncio della sua candidatura. Il marito del sindaco di Prezza e consigliere regionale Marianna Scoccia, ora al gruppo misto, lancia un appello alla pacificazione del territorio e saluta con favore la candidatura per il centro sinistra di Gianfranco Di Piero, già suo collaboratore.

”Ho deciso di candidarmi al governo della Città perché voglio assumermi la responsabilità in prima persona – annuncia Gerosolimo rispondendo alle accuse di chi lo giudica un manovratore da dietro le quinte – Lo faccio perché sono innamorato di Sulmona e dei Sulmonesi ed ho tanta voglia di continuare ad ascoltare la gente in ogni luogo, nelle piazze e nelle strade ed anche nei bar!
Sono onorato della fiducia che hanno riposto in me le numerose persone che animano le nostre liste, insieme a loro, stiamo preparando per Sulmona, Città territorio, una vera e propria rivoluzione, un programma di rilancio economico e sociale che coinvolgerà tutti.
Un elemento qualificante di questa “rivoluzione” sarà la “pacificazione” e lavorerò in ogni modo per far sì che in città si respiri un clima di confronto e non di scontro, lavorerò affinché ci sia un combattimento di idee e non di offese. In tal senso non posso che salutare con favore la candidatura a sindaco dell’amico Gianfranco Di Piero con cui ho condiviso anni di attività politica. Ora l’obiettivo è allargare il più possibile la coalizione affinché le tante risorse umane e professionali di questa città scendano in campo in prima persona.
Il rilancio dell’economia e del benessere dovranno essere le direttrici che guideranno la rinascita del centro abruzzo e della nostra città che è un palcoscenico di straordinaria bellezza.
Su questo palcoscenico, io ci metto la faccia in prima persona. Tutti devono essere protagonisti del cambiamento”.

Sono sette le liste che sosterranno la sua candidatura, che già campeggiano da qualche giorno sulle vele pubblicitarie.