Case a canone concordato, via al nuovo bando per 21 appartamenti

SULMONA – Pronto il nuovo bando per assegnare 21 appartamenti nella palazzina del Contratto di Quartiere nella zona Peep.
Tutte le novità e i nuovi requisiti per partecipare sono stati illustrati questa mattina in conferenza stampa dal vicesindaco con delega alle Politiche Sociale Marina Bianco.
Le categorie che potranno ambire alle nuove case a canone concordato (meno di 400 euro fi fitto mensile), per una palazzina con moderni isolatori antisismici e classe energetica A+: sono Coppie di futura formazione, purchè il matrimonio, l’unione civile o la stabile convivenza si concretizzino entro 12 mesi dalla data di pubblicazione del bando, nuclei monogenitoriali con figli conviventi a carico anche se anagraficamente inseriti in altro nucleo familiare, coppie sposate, in unioni civili o stabilmente conviventi anche se anagraficamente inserite in altro nucleo familiare e persone singole maggiorenni anche se anagraficamente inserite in altro nucleo familiare. Il Comune di Sulmona amplia i criteri di ammissione per assegnare i 21 alloggi disponibili con apposito bando con la novità dell’Isee simulato da un minimo 12 mila euro a massimo di 30 mila. “Mi preme ricordare che non si tratta di case popolari per le quali, a settembre, sarà pubblicato un bando ad hoc. Mentre stiamo completando gli interventi di manutenzione sulle case parcheggio”, annuncia il vice sindaco Bianco. Il bando per il contratto di quartiere, con tutte le indicazioni, sarà pubblicato nella giornata di lunedì sul sito istituzionale del Comune di Sulmona.

Le modifiche sono state introdotte in seguito alla conclusione del precedente bando che ha visto assegnare a 5 partecipanti aventi diritto su 22 istanze pervenute, precisando che la non ammissibilità è legata ai requisiti Isee. Sono state pubblicate sull’albo pretorio del sito del Comune il 7 giugno scorso le graduatorie provvisorie per le quali non sono pervenute opposizioni.
Pertanto sono in corso le procedure per la formazione delle graduatorie definitive con la trasmissione degli atti relativi alla pubblicazione alla Commissione Circondariale Erep.