MANIFESTAZIONE PUNTO NASCITA: DI GIANDOMENICO (LEGA) CONTRO LA NUOVA E LA VECCHIA GESTIONE

SULMONA – Assenza di gran parte del centrodestra oggi alla manifestazione organizzata dalla Cgil davanti all’Ospedale di Sulmona per la difesa del Punto nascita, ed in parte andava anche da sé. Ma non è mancato il portavoce provinciale della Lega, Alberto Di Giandomenico, che è andato subito nelle sue dichiarazioni sulle contrapposizioni politiche: “Questa mattina per tramite di rappresentanti come il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci (Pd), il centrosinistra ha attaccato la giunta Marsilio sulla sanità peligna, dimenticando però quanto successo nel passato, quando le stesse forze dalfonsiane, regionali e locali, firmarono il declassamento dell’Ospedale di Sulmona”.

Di qui Di Giandomenico si è ricongiunto alla battaglia aperta di recente dal n. 1 della lega in Abruzzo contro in manager Asl1: “il nostro segretario regionale, Luigi D’Eramo, ha protestato proprio in questi giorni per il fatto che il direttore generale Asl, Roberto Testa, non ha dato avvio al concorso per l’assunzione del primario di ginecologia, e di fatto congelando i concorsi per tutti gli altri reparti. Nessuno nega i problemi esistenti, ma la Lega contesta il dg sanitario allo stato dei fatti: ovvero l’azienda è allo stallo”.

Di Giandomenico ha chiuso tornando a fare un po’ di storia recente: “Del resto nessuno può affermare, comunque, che nei cinque anni di governo D’Alfonso, si sia costruito alcunché per la sanità peligna. Come anche nel 2015 per la difesa del punto nascita, non c’erano proprio tutti ad occupare l’aula consiliare del Comune di Sulmona. Questa continuità oggi, e da due anni a questa parte, è garantita dalla Lega sempre attenta alla difesa dei diritti dei cittadini del Centroabruzzo”.