Carcere sotto organico, via allo stato di agitazione

SULMONA – In centro storico va in scena il giuramento di 161 allievi della scuola di Polizia Penitenziaria, mentre nel carcere peligno le organizzazioni sindacali proclamano lo stato di agitazione e annunciano eclatanti iniziative di protesta, già dai prossimi giorni, contro l’indifferenza alle continue richieste di potenziamento di organico per la Polizia Penitenziaria. I sindacati chiedono alla direzione del carcere, al prefetto e al Provveditorato di Abruzzo-Lazio-Molise incremento del personale, una nuova organizzazione del lavoro, diritti e pari opportunità a tutto al fine di lavorare in sicurezza. Nella struttura sono in servizio 246 agenti rispetto ai 310 previsti in pianta organica e l’apertura, nel 2019, di un nuovo padiglione che ospiterà circa 300 detenuti (portando la popolazione carceraria a oltre 700 unità) preoccupa non poco la categoria perché, finora, non solo non è previsto un potenziamento di organico ma non si riesce neanche ad avere in servizio il numero di poliziotti previsti in pianta organica. Nelle scorse settimane anche il sindaco Annamaria Casini ha garantito il suo impegno al riguardo.